Cosa sono gli
accordi estesi?

Il futuro è condivisione...come il passato.

Se stai leggendo questo articolo è perché sei un musicista che vuole migliorarsi e questo è davvero lodevole, Io sono come te.

La buona notizia è che non siamo soli. Ci sono molti altri come noi. Tra iscritti e sostenitori siamo a quasi più di cinquemila persone. 

Cinquemila persone che come te seguono i miei contenuti, li apprezzano e con grande coerenza e bontà decidono di premiarmi. Mi sostengono in maniera concreta iscrivendosi al mio canale Patreon.

ll loro e il tuo contributo mi permette di tenere bassissimi i prezzi dei miei videocorsi online nonostante il loro grande valore e di continuare questa stupendo lavoro di divulgazione musicale.

Basta un solo semplice euro. 

Ti ringazio per la tua attenzione e ti auguro buon divertimento con tutto il materiale che ti aspetta dall’altra parte.

 

sostienimi

Gli accordi estesi

Oggi parliamo degli accordi estesi

Parliamo delle estensioni ovvero quelle note che portano il suono dei tuoi accordi su un altro livello.

Chiariamo subito che le estensioni sono delle note aggiuntive che “scaldano” gli accordi lasciando intatta la loro natura. 

Parlando di estensioni mi riferisco agli intervalli di 9, 11 e 13 o per dirla in modo più semplice 2, 4 e 6 calcolati un’ottava sopra. Perchè allora non chiamarle direttamente  2, 4 e 6?  

Questo avviene perchè queste tre note sono la parte superiore dell’accordo e chiamarle in questo modo ci aiuta a ricordare che hanno funzione ornativa e non strutturale. 

Prendono il nome di estensioni fisse perchè come vedremo piu avanti non sono modificabili. 

A cosa servono? come ho già detto le estensioni servono a colorare l’accordo senza cambiarne il modo. Sarebbe a dire che un accordo maggiore con l’aggiunta di una 9 rimane un accordo maggiore…ma parecchio più figo.

Lo stesso discorso vale per tutti gli altri accordi. 

Come calcolare velocemente le estensioni?

Se hai studiato bene le struttura delle triadi è semplicissimo. Diciamo di voler calcolare le estensioni naturali dell’accordo di Do maj7. Come procedi?   

Per prima cosa togli il settimo grado maggiore. Cosa rimane? La triade maggiore di Do: 

  • Do Mi Sol (1 – 3 – 5 ).

Ora sposta queste tre note un tono sopra: 

  • Do diventa Re;
  • Mi diventa Fa# ;
  • Sol diventa La.

Che accordo ottengo?  Re maggiore: Re Fa# LaQueste tre note sono le estensioni naturali di Do maj7. 

  • Re sarà la 9;
  • Fa# sarà 11#;
  • La sarà la 13

Puoi combinarle come vuoi, usarne solo una o tutte tre insieme e senza un ordine preciso. L’ unica regola? per ora quello che senti ti deve piacere.  Ti ricordo che trovi il video di questa lezione, con tutte le spiegazioni dettagliate, sul mio profilo Patreon.

maggiore settima

Perchè l’undicesima è diesis?

La domanda è legittima. In Do maggiore l’undicesima naturale è Fa, da dove esce Fa#?

Devi sapere che l’armonia è una disciplina molto variegata. Cresce, cambia ed evolve come le nostre vite. Cambia a seconda del genere musicale, del periodo storico ma soprattutto della sensibilità degli esseri umani

Per secoli intervalli come la settima maggiore o la nona sono stati vietati perché percepiti come estremamente dissonanti ed instabili 

In alcuni generi musicali arcaici si ricercano consonanza e stabilità in altri più moderni dissonanza e movimento

Attenzione non sto parlando di meglio o peggio. Non cadere in questa gabbia. Sto parlando di sensibilità diverse, di esigenze musicali diverse, di diversi modi di esprimere se stessi e con sincerità.  

La domana “chi ha ragione?” non ha davvero senso.  

Hanno entrambi ragione perchè il discorso è prettamente stilistico. Se voglio che una cosa suoni come una fuga barocca adotto certe soluzioni se voglio che suoni come Bill Evans altre. 

Non è una guerra fra generi ma una questione di stile

In questi articoli parliamo di armonia moderna. Un linguaggio in cui molte cose sono state sdoganate. 

È vero, l’undicesima in Do maggiore è Fa ma noi usiamo l’undicesima diesis perchè estremamente piu moderna, in stile e per alcune orecchie piu bella. 

Se vuoi approfondire la teoria musicale qui trovi  un corso completamente gratuito: Aula di teoria e solfeggio.

La struttura degli accordi estesi

Le estensioni dell'accordo di settima di dominante

Dopo questa digressione voglio mostrarti sinteticamente come calcolare le estensioni anche per i rimanenti accordi. Riprendiamo il discorso con l’accordo di 7 dominante

Per prima cosa levo il settimo grado. Cosa rimane? Una triade maggiore.

  • Do Mi Sol (1 – 3 – 5) 

Come prima tiriamo tutto su di un tono e otteniamo Re maggiore

  • Re sarà la 9;
  • Fa# sarà 11#
  • La sarà la 13
Come vedi calcolare le estensioni è molto semplice. Proseguiamo.
settima di dominante

Le estensioni dell'accordo minore settima

Proviamo con l’ accordo minore settima. Procedo come per gli altri. Per prima cosa tolgo la settima minore. Cosa  rimane?  una triade minore: 1 3b 5 (Do Mib Sol).

Tiriamo tutto su di un tono:

  • Do diventa   Re (9); 
  • Mib diventa Fa (11) ; 
  • Sol diventa  La (13).
Ed ecco  calcolate le estensioni degli accordi minori settima.
accordi estesi_minore settima

Le estensioni dell'accordo semidiminuito

Come procediamo per l’accordo semidiminuitoStesso identico discorso. Togliamo la settima e concentriamoci sulla triade:

  • 1 – 3b – 5b:  una triade diminuita. Do – Mib  -Solb.

Ora tiriamo tutto su di un tono:

  • Do diventa    Re (9); 
  • Mib diventa  Fa (11); 
  • Solb diventa Lab (13b). 

Queste sono le estensioni dell’accordo semidiminuito. Lo stesso discorso vale per l’accordo diminuito  perché la triade costruttiva alla base dei due è la stessa.

accordi estesi_semidiminuito

Le estensioni dell'accordo diminuito

accordi estesi_diminuito

II fuori categoria: l'accordo di dominante alterato

Rispetto ai precedenti accordi  in cui 9, 11 e 13 sono estensioni fisse nell’accordo di dominante alterato abbiamo parecchio piu spazio di manovra. In che senso?

Nel senso che nell’accordo di dominante 9, 11 e 13 sono mobili, le possiamo alterare a nostro piacimento creando sonorità piuttosto “prepotenti“. 

In pratica? In pratica ad un accordo di settima dominante oltre alle estensioni fisse puoi aggiungere:

  •  9b e 9#;
  • 11#;
  • 13 b.

Con questo accordo si apre un ventaglio di possibilità sonore che rende possibile caratterizzare in maniera unica il tuo modo di suonare.

Ad esempio un accordo di Mi 7/9# suonerà in maniera conflittuale ma accattivante da morire. Adatto al linguaggio blues. 

accordi estesi_dominante alterata

Gli accordi estesi: conclusioni

Come utilizzare gli accordi estesi?  La prima cosa che ti consiglio è di usare una estensione alla volta su ognuno dei cinque accordi di base. Ascolta come suonano e appuntati quelle che preferisci. Fatto questo inizia a mischiarle.

Ricordati che più estensioni aggiungi ai tuoi accordi più il suono diventa complesso, bisogna trovare il giusto equilibrio. Immagina di voler sorprendere un tuo amico con una successione armonica particolare, pensala e poi fai un passo indietro

Togli qualcosina, il passo fra sorprendere e sconvolgere è breve e la vera arte si muove fre questi due piatti della bilancia.

Ti ricordo che cliccando sul pulsante qui sotto potrai accedere ai corsi gratuiti del mio Laboratorio Musicale.

Ti ringrazio e saluto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *